AMBASCIATRICE DELL'OCEANO

Jilly Wenderlich

Un’appassionata apneista, subacquea e conservazionista



"Ricordo che quando ero piccola leggevo di donne come Sylvia Earle e mi entusiasmavo moltissimo per quelle che portavano avanti la ricerca subacquea in modo rivoluzionario. La fanatica della scienza che è dentro di me ha sempre la sensazione di partire per una grande spedizione ogni volta che indosso una muta."



Quando e perché hai iniziato ad immergerti?

La prima volta che ho fatto immersione in realtà ero nella piscina di casa mia e avevo 8 anni! Ovviamente non c’erano molti pesci, ma ho avuto un piccolo assaggio di quanto fosse bello!

Qual è il tuo pesce o mammifero guida?

Ohhhh. Direi una qualsiasi specie di razza o manta! Mi imbatto in una di loro praticamente a ogni immersione, sembra che ci cerchiamo e troviamo a vicenda!

Come ti avvicini a coloro che non praticano immersioni per coinvolgerli e invogliarli a imparare a immergersi?

Chiunque mi conosca sa che sono una persona molta passionale. Quando sono entusiasta, penso di parlare più con le mani che con la bocca! Trasmettere le mie esperienze e lasciar trasparire il mio entusiasmo sembra serva ad attirare le persone.

L'immersione dei sogni: dove e con chi?

Oddio, questa è una domanda davvero difficile. Credo che sarebbe un pari merito tra Sylvia Earle e Jacques Cousteau. Entrambi hanno contribuito così tanto all'esplorazione, conoscenza e amore per il mare. Penso che probabilmente andrei a Palau o indietro nel tempo alla Grande Barriera Corallina.

Il componente Aqua Lung preferito?

Mi piace il G.A.V. Outlaw. È leggero e confortevole. Facile da manovrare.

Qualche talento nascosto?

So imitare perfettamente il suono dei delfini!



Segui le avventure di Jilly: