AMBASCIATORE DELL'OCEANO

Alban Michon

Perfettamente a proprio agio sopra e sotto il ghiaccio, Alban spinge i limiti dell’immersione tecnica in acque fredde



"Abbiamo tutti un tesoro dentro di noi che vuole solo essere scoperto e sfruttato. Il mio tesoro, la mia passione sono le immersioni"



Quando e perché hai iniziato a fare immersioni?

Ho iniziato a fare immersioni nel 1988 all'età di 11 anni. Nessuno era subacqueo nella mia famiglia e io già ritagliavo le pagine delle riviste quando ho visto foto di immersioni. Guardavo gli spettacoli di Cousteau che mi hanno fatto sognare. Non vivevo al mare e così ho iniziato a fare immersioni in piscina e mi è subito piaciuta questa sensazione di assenza di gravità. Mi sentivo bene e adoravo scoprire un altro universo. Ho quindi deciso di farne il mio lavoro. Penso che sia passione, qualcosa che non controlliamo e che ci attrae.

L'esperienza subacquea più memorabile?

Ho migliaia e di storie memorabili. Ma se devo citarne una, ricordo un orso polare che mi è passato davanti durante un'immersione in Groenlandia. L'ho visto fare diverse apnee e mi sono trovato ad affrontarlo sott'acqua. Poi, all'uscita dell'acqua, ho pensato che se ne fosse andato invece è arrivato e si è fermato a 3 metri da me. Eravamo in acqua e ci siamo guardati intensamente per alcuni secondi. Quindi si è voltato. È stato un momento magico e unico. Ho fatto anche altre fantastiche immersioni in cui ho avuto anche la possibilità di immergermi con lo squalo della Groenlandia. Una specie rara e mitica.

Come ti avvicini a coloro che non praticano immersioni per coinvolgerli e invogliarli a imparare a immergersi?

Ho sviluppato una tecnica per attirare le persone che non sono mai state sotto il ghiaccio. Ogni volta parlo con loro del benessere subacqueo e della scoperta di un altro mondo. Mi piace anche mostrare loro le foto di ciò che stanno per scoprire. Spesso sottovalutano questa vita o la bellissima atmosfera che può essere scoperta sott'acqua.

Il componente Aqua Lung preferito?

La mia attrezzatura Aqua Lung preferita è senza dubbio l’erogatore Legend. L'ho usato in tutto il mondo in ambienti estremi. Antartide, Artico, Siberia e Groenlandia. È un erogatore affidabile e solido che si adatta alle condizioni più difficili di immersione in acque molto fredde. Lo uso anche regolarmente in acque temperate perché sono abituato a questo erogatore che mi piace particolarmente.

L'immersione dei sogni: dove e con chi?

Un'immersione che vorrei davvero realizzare è con i bambini che soffrono di "malattia della luna". Non possono stare al sole e sono destinati a vivere solo nascondendosi o nel cuore della notte. Vorrei portarli nell'Artico durante la notte polare per immergersi sotto il ghiaccio. Mi piace far fare esperienze folli alle persone e renderle felici grazie alle immersioni.

Segui le avventure di Alban: